visualizza l’immagine di sfondo

La Valle Mesolcina.

CAMA PNF8655 P1 web

La Valle Mesolcina, importante asse di transito nord-sud – infatti è l'unica alternativa al Gottardo in inverno per passare in via diretta dal Ticino all'Europa tedescofona – prende il suo nome dal fiume Moesa, che nasce sul Passo del San Bernardino, a 2065 m/slm e va ad affluire nel fiume Ticino all'altezza del comune di Arbedo-Castione, dopo circa 1800 m di discesa. In altitudine la Valle passa dai 260 m/slm del Piano di San Vittore ai 3270 m/slm del Pizzo Tambo.

Il clima che caratterizza la Val Mesolcina è mite. Il vento non soffia sufficientemente forte da disturbare il turista, ma abbastanza per allontanare la nebbia e le nuvole. Queste correnti garantiscono un periodo di insolazione sopra la media. L’inverno, piccole e sporadiche nevicate interessano le zone situate a bassa altitudine, mentre la neve cade abbondante lungo la cresta delle Alpi. Ma il fondovalle resta perlopiù libero dalla neve grazie alla temperatura mite ed all’azione del sole.
di più

La Valle Mesolcina, cenni storici.

CAMA PNF8637

Nell’anno 15 Avanti Cristo, la Mesolcina venne occupata dalle truppe imperiali romane ed annessa alla provincia “La Rezia”. I Romani costruirono e rimodernarono ponti, strade e vie d’accesso, così che in poco tempo ebbe il predominio la civiltà romana e la lingua latina. I Romani rinforzarono ben presto la strada che dalla bassa valle porta al San Bernardino per difendersi dai Germani. (Diversi resti di questi sbarramenti sono ancora visibili oggi).

La nobile Famiglia de Sacco, residente nel castello di Mesocco, detenne la signoria sulla valle dal XII secolo fino al 1480, quando il conte Giovanni Pietro de Sacco vendette la signoria a Gian Giacomo Trivulzio. Questi fu signore della valle con successore suo figlio Gian Francesco, da cui i mesolcinesi si riscattarono del 1549. Ma già prima gli abitanti di Soazza e Mesocco entrarono a far parte della Lega Grigia e precisamente nel 1480, mentre il resto della valle seguì a partire dal 4 agosto del 1496. Da allora il destino della valle seguì quello dell'attuale Canton Grigioni.

Nel 1851 venne creato il distretto della Moesa comprendente anche la Valle Calanca.

Prenota alloggio

regione e localita

tipo di alloggio

arrivo

partenza

Ufficio informazioni.

Ente Turistico Regionale del Moesano
Strada Cantonale
Casella Postale 22
CH-6565 San Bernardino
Tel. +41 (0)91 832 12 14
Fax +41 (0)91 832 11 55

info(at)visit-moesano.ch
www.visit-moesano.ch

 
 

© Ente Turistico Regionale del Moesano, info(at)visit-moesano.ch