638 - Santa Maria in Calanca

Medio
17 km
2:35 h
697 m
697 m
Chiesa e Torre di Sta Maria i.C. (val Calanca, GR)
Santa Maria

Mostra 10 immagini

Asini sul percorso
Tour impegnativo quanto molto variato. Sarà infatti un piacere percorrerlo in tutta la sua lunghezza toccando ogni singolo villaggio. Tips di questo tour sono i famosi grotti e i biotopi, vere e proprie aree naturali.
Tecnica /6
Condizione fisica 3/6
Punto più alto  965 m
Punto più basso  312 m
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dic

Start Ex stazione ferroviaria di Grono
Arrivo Ex stazione ferroviaria di Grono
Coordinate 46.276314, 9.161435

Descrizione

Dall’ex stazione il percorso conduce attraverso il villaggio di Grono per poi iniziare la sua naturale salita, passando da Nadro e arrivando a Castaneda, la soleggiata terrazza della valle Calanca. Da quì la vista sui dintorni non vi manca di certo, sia che voi guardiate verso il basso che verso l’alto. Alle volte potrete scorgere anche qualche parapendio che dai monti di Sta Maria i.C. si lancia alla scoperta delle due valli, Calanca e Mesolcina. A Sta Maria in Calanca vale la pena fare una piccola sosta. Non potete infatti mancare la visita della Chiesa Madre, coi suoi bellissimi decori interni, e della torre, posta a poca distanza, dalla cui cima vi sembrerà di dominare il mondo.

Rinvigoriti dopo l’impegnativa salita puntate ora verso i grotti di Cama, passando attraverso le bellezze di Verdabbio. Queste antiche cantine oggi sono dei veri e propri punti d’incontro della gastronomia locale. Non potrete infatti mancare di gustare il profumatissimo prosciutto della Mesolcina e dissetarvi con il „mez e mez“, gazzosa e vino nostrano serviti nel tazzino, il tipico bicchiere da grotto.

Un intinerario che saprà deliziare certamente il vostro spirito, riempire la vostra vista e solleticare il vostro palato.

Descrizione del percorso

Il tracciato parte dalla ex stazione ferroviaria di Grono. Da lì si sale verso il centro del villaggio in direzione di Nadro. Alla fine del paese si imbocca la strada sterrata sulla destra che raggiunge Nadro. Da Nadro la strada si fa più ripida salendo con delle curve strette passando accanto a Castaneda. Raggiunto Campagna si riprende la strada cantonale fino al Ronc. Dal Ronc si prende la strada sulla sinistra e si penetra nel meraviglioso bosco che porta fino a Sta Maria in Calanca. Da Sta Maria inizia la discesa verso Verdabbio prendendo la strada sterrata che dopo Verdabbio si raggiunge Cama. A Cama finisce la discesa e bisogna passare attraverso il ponte sulla Moesa. Da lì,  si prosegue sulla sponda est del fiume Moesa e si scende dolcemente lungo il fiume Moesa. Lungo questo tratto si intravede sull'altra sponda Leggia. Subito dopo si attraversa il fiume e si prosegue il giro sulla sponda ovest per raggiungere prima Pascolet, zona dove si può osservare uno dei pochi biotopi esistenti in Svizzera. Continuando il giro si raggiunge infine il punto di partenza.

Responsabile del contenuto: Ente Turistico Regionale del Moesano San Bernardino, Mesolcina, Calanca.

Outdooractive Logo

Questa pagina utilizza contenuti e tecnologia della piattaforma Outdooractive.