"Help! I'm burning!"

Biennale Calanca

Una delle opere digitali er la Biennale Calanca 2021
Calanca Biennale vuole coinvolgere il territorio della valle dal 3 luglio al 26 settembre 2021.

l’arte contemporanea si coniuga con il territorio

Essere parte del territorio, coinvolgendolo, interpretandolo, promuovendolo attraverso l’arte contemporanea.

La valle Calanca, discosta e distante dai centri urbani, industriali e globalizzati, si trova piacevolmente adagiata nel cuore delle Alpi svizzere, incastonata tra rigogliose creste montane, in uno scenario naturale di infinita bellezza.

Una valle che ha una sensibilità particolare, ed è un’ottima osservatrice del mondo che la circonda.

Help! I’m burning! – Aiuto! Sto bruciando!

Questo il titolo e messaggio ecologico globale che dà vita e carattere alla biennale 2021. Non un banale grido d’allarme, ma una concreta visione rivolta ad un pianeta che sta bruciando, per molti aspetti.

Totem concettuale della mostra land art, che si terrà a Rossa dal 3 luglio al 26 settembre, sarà il “coccodrillo”, un animale a sangue freddo, che verrà realizzato con 32 blocchi di gneiss, roccia granitica che caratterizza la valle, estratta dalle cave Polti di Arvigo.

Una scultura imponente, lunga 25, larga 12 e alta 1.2 metri, che verrà scolpita direttamente in cava su disegni selezionati tra numerosi artisti internazionali e poi trasportata sul territorio.

Ma come mai proprio un coccodrillo? È interessante sapere che le placche tettoniche tra Europa e Africa si incontrano proprio in questo territorio, e in termini geologici questo fenomeno viene chiamato a “mascella di coccodrillo”.

Già, la biennale proporrà anche un percorso outdoor composto da ben 208 disegni, poster illustrati da artisti di tutto il mondo. Grazie alla collaborazione con Irwan Harnoko, fondatore della “Worldwide Graphic Designers”, nel 2020 è stato indetto un concorso che ha generato oltre a 600 illustrazioni provenienti da 56 Paesi del mondo, poi selezionati da una giuria internazionale (Svizzera, Italia, Indonesia, Cina, Sud Corea e Iran), e una top ten.

Location

Rossa (1194 msm) è un villaggio alla fine della valle fatto di un pugno di case e alcune cappelle, come un nido in mezzo al bosco tra due pareti scoscese di pietra.

Grazie ad un'attenta direzione politica, Rossa si sta trasformando in un gioiello di arte contemporanea.

L’architetto Davide Macullo, con la collaborazione dell’artista francese Daniel Büren, ha realizzato la multi premiata “Swiss House”.

L’artista anglo-svizzero David Tremlett ha affrescato le cappelle con la sua “wall drawing”.

Quest’anno Rossa accoglie la nostra scultura realizzata in 32 blocchi di granito. Il progetto è stato assegnato a Davide Macullo.

Una delle cappelle ridipinte dall'artista Tremlett

Arvigo, la cava di Gneiss

La cava di Gneiss di Alfredo Polti SA in Arvigo, che si trova a metà valle, è stata da subito parte integrante del progetto. Vania e Giovanni Polti, proprietari della cava, hanno uno sguardo attento alle iniziative che promuovono il territorio.

Nella cava si estrae il magnifico sasso della valle, monocromatico, bianco, grigio e nero.

La Biennale è stata invitata ad esporre parte dell’illustrazione grafica proprio qui, i colori dei poster che rappresentano i paesi del mondo sono un contrasto meraviglioso con il sasso e si ha l’impressione che la cava di una valle scoscesa in mezzo alle montagne sia a contatto con il mondo intero.

Un operaio spacca la pietra in due pezzi più piccoli

LandArt

Posiamo una scultura di arte contemporanea a forma di coccodrillo.

Un totem, un animale a sangue freddo per la protezione del territorio contro tutti i mali (vedi il geco di Antoni Gaudì nel Parco Güell a Barcellona).

Il progetto è di Davide Macullo, membro di Ross’Arte, una fondazione che sta trasformando il villaggio di Rossa in un gioiello d'arte contemporanea.

La scultura viene realizzata in 32 blocchi di granito nella cava di Gneiss di Alfredo Polti SA, scolpita in cava secondo i disegni forniti da numerosi artisti internazionali.

Le dimensioni della scultura sono 25 metri di lunghezza, 12 di larghezza e 120 cm di altezza.

Graphic Illustration

La grafica, il marchio è indispensabile per un progetto di arti figurative.

Calanca Biennale è andata oltre e vuole condividere questo evento con l’intero pianeta.

Grazie a Irwan Harnoko fondatore della “Worldwide Graphic Designers” abbiamo organizzato un concorso di poster e ricevuto più di 600 illustrazioni da 56 paesi del mondo.

Abbiamo selezionato 208 posters per la stampa su forex 70 x 100 cm da esporre su un percorso outdoor.

Una giuria internazionale (Svizzera, Italia, Indonesia, Cina, Sud Corea e Iran) ha selezionato i top ten.

Opera dell'artista iraniano Ramin Babaee raffigurante una forcina per capelli, che rassomiglia un coccodrillo
Mostra di più

Calanca Biennale

Tutti i contenuti della Biennale Calanca in un solo sito

Mostra di più